Parco Puez-Odle – Puez-Gaisler

Il parco si estende per 10.196 ettari, con un’altitudine media di 2.500 m s.l.m., comprende i gruppi del Puez e delle Odle, entrambi appartenenti alle Dolomiti Gardenesi, ed è delimitato dalle valli Isarco, Pusteria, Badia e Gardena.
L’intero gruppo Puez-Odle racchiude diversi sottogruppi con cime che arrivano ai 3.000 metri: il Sass de Putia (2.875 m.) nel sottogruppo della Plose, le cime più alte della Furchetta e del Sass Rigais (entrambe di 3.025 m.) nel sottogruppo delle Odle, e il Piz de Puez (2.913 m.) nel sottogruppo del Cir.
Il parco è molto interessante a livello geologico (qui si trovano tutti i tipi di roccia, strati di sedimento e forme di disgregazione caratteristici delle montagne dolomitiche), e per la presenza di una flora e di una fauna molto ricche e particolari.
Nei boschi sono presenti principalmente il pino cembro, il larice, e l’abete rosso; nel sottobosco fiorisce in gran quantità l’erica, mentre al limitare della zona boschiva a ridosso delle praterie il rododendro e il pino mugo costituiscono l’ultimo baluardo della vegetazione. La flora, diversificata a secondo dei periodi di fioritura, abbraccia specie quali la primula e il croco, la genziana, sia quella blue che quella maculata dal colore più tenue, l’achillea e l’arnica, famose per gli effetti curativi, il giglio rosso e la stella alpina.
Il cervo e il camoscio si spartiscono rispettivamente le aree a nord e a sud del parco, insieme al gufo reale e al gallo cedrone. Nei cieli sono visibili il fringuello alpino, il culbianco, lo spioncello ed il codirosso spazzacamino; mentre nelle zone estreme sulle cime nidificano i gracchi alpini, i corvi imperiali e qualche coppia di aquila reale.
Molti i rifugi dislocati strategicamente per ospitare escursionisti ed alpinisti e supportarli nelle ascensioni e negli itinerari più impegantivi (il parco è attraversato da nord a sud dall’Alta via n° 2). Uno speciale sentiero natura, percorribile anche dai disabili, con uno sviluppo di 3 chilometri intorno ad un ampio recinto, permette la osservazione di cervi, daini e caprioli, e attraverso tabelle illustrate, la comprensione delle caratteristiche peculiari della flora e della fauna presente.

Per ulteriori informazioni: www.provincia.bz.it/natura/2803/parchi/puez/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *