Parco dei Sassi di Roccamalatina

Il parco si estende per 1.119 ettari nell’Appennino modenese sul versante sinistro della valle del fiume Panaro ed e caratterizzato dai “Sassi” tre spettacolari picchi rocciosi…
Il tipico aspetto dell’area collocata tra i 150 e 600 m s.l.m. è a calanchi argillosi alternati a lievi colline ricoperte di pascoli, fitti castagneti, vite e frutteti; nel cuore del parco si ergono tre picchi in arenaria utilizzati nell’epoca etrusca come elementi di un sistema di fortificazione e resti medioevali nelle vicinanze di borghi rurali.
Nel bosco costituito in massima parte da castagni, sono presenti anche esemplari di carpini, cerri, roverelle e aceri, mentre il sottobosco è ricco di arbusti quali ginepro, biancospino e sanguinello; in prossimità e sui versanti dei sassi si possono trovare assenzio, timo, saponaria, garofanino selvatico ed alcune specie di orchidee tra le molte protette (48 su 160) di cui il parco va fiero.
Tra le pareti verticali dei “sassi” nidificano il falco pellegrino ed il gheppio oltre a specie più comuni quali la poiana e lo sparviero; altri volatili presenti nell’area sono il picchio muraiolo e la taccola. Tra i mammiferi del parco si incontrano il capriolo, lo scoiattolo, il ghiro, il moscardino, e tra i predatori la volpe, il tasso, la donnola e la faina.
Oltre 100 i chilometri di sentiero da percorrere a piedi, a cavallo o bike lungo i 12 itinerari segnalati

Per ulteriori informazioni: www.parcosassi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *