Mandanici: abbazia attira investimenti

 

Mandanici è città d’arte dal 2008, tra i suoi gioielli c’è il monastero brasiliano, un complesso costruito nel 1100 per volontà del Gran Conte Ruggero dopo la cacciata degli arabi.

Questo complesso, in gran parte reastaurato, negli ultimi mesi ha attirato l’attenzione di alcuni investitori di grande spessore che stanno pensando, tra i vari progetti, a un centro per la produzione di carta secondo gli antichi sistemi. Insomma, a Mandanici la cultura diventa business turistico

 

Tra chi si fa avanti, una compagnia aerea nazionale e una catena alberghiera siciliana che gestisce hotel anche all’estero, che vorrebbero utilizzare la struttura monastica come centro congressi. Intanto, in attesa di sviluppi futuri, il sindaco del piccolo centro jonico ha siglato ben due protocolli d’intesa per favorire la valorizzazione del sito: il primo con l’Archeoclub di Santa Teresa di Riva (ME), l’altro con Maurizio Ientile, responsabile del Consorzio “Itinerari Brasiliani”.

 

“Anche se il nostro è un paese piccolo – spiega il sindaco Carpo- è ricco di testimonianze storico-artistiche di notevole pregio. Prova ne sia la definizione di “città d’arte” ottenuta due anni fa. In una fase critica per l’economia che non prevede soluzioni a breve termine, l’unica strada per creare occupazione e sviluppo ed impedire che i giovani abbandonino Mandanici è quella di dare un forte impulso ai nostri tesori d’arte. Da mesi siamo in contatto con diverse realtà economiche che hanno compreso il potenziale del monastero.”

 

Tra i numerosi tesori di Mandanici c’è anche un’antica raccolta di manoscritti storici, filosofici, scientifici e medici, alcuni dei quali risalgono al XVI secolo, di notevole valore. Tra questi anche un testo di medicina del 1562, del quale esiste solo un’altra copia in Inghilterra. Il complesso abbaziale di Santa Maria Annunziata, protetto da una muraglia naturale contro ogni sguardo piratesco proveniente dal mare, ha avuto una grande importanza nel Medioevo per lo sviluppo economico, religioso e storico – culturale non solo di Mandanici ma di tutta la Valle degli Ulivi.

Roberta Folatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *