Alto Adige: turismo, buono il 2009

Nel bimestre novembre-dicembre 2009 si è verificato un aumento del 3,1% negli arrivi e del 2,8% nelle presenze rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I tassi di variazione sono stati calcolati dall’Istituto provinciale di statistica (ASTAT) sulla base dei dati segnalati dalle associazioni turistiche (i dati di dicembre sono da ritenersi provvisori – grado di copertura pari al 90,2%). In dettaglio le rilevazioni estratte da uno studio elaborato dall’Istituto provinciale di statistica (ASTAT)

I buoni risultati parziali della stagione invernale 2009/10 possono essere riconducibili all’andamento positivo del mese di dicembre (aumento del 4,7% delle presenze rispetto allo stesso mese dell’anno precedente). Novembre, al contrario, ha evidenziato una flessione pari al 5,1% sulle presenze L’analisi per paesi di provenienza mostra sviluppi positivi soprattutto per i turisti interni che, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, hanno segnalato una crescita del 7,3% nelle presenze.

Gli ospiti provenienti da Svizzera e paesi del Benelux hanno raggiunto rispettivamente un +2,8% e un +5,5%. Inverso lo sviluppo delle presenze di tedeschi, austriaci e turisti da altri paesi che hanno registrato una contrazione rispettivamente del -4,1%, del -1,4% e del -2,1%.

Nel confinante Tirolo, l’inizio della stagione invernale ha rilevato uno sviluppo negativo sia per quanto riguarda gli arrivi che per quanto riguarda le presenze: -1,7% e -1,9% rispetto al periodo novembre-dicembre 2008.

Nel 2009 per la prima volta sono stati rilevati 5,5 milioni di turisti, che hanno soggiornato per più di 28 milioni di notti. Ciò corrisponde ad un aumento del 3,0% negli arrivi e dell’1,3% nelle presenze rispetto al 2008.

Dall’anno 1990 si è rilevata una crescita di presenze pari a più di un quinto (+21,2%).

(Claudio Beltrami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *