Toscana: treno + bici, nuove tariffe

In Toscana viaggire in biciletta è più facile. Dal primo febbraio, infatti, entrano in funzione le nuove tariffe per il trasporto delle bici a bordo treno. Un biglietto ridotto ed un abbonamento mensile, fino ad oggi inesistente, permetteranno ai toscani ed ai turisti di spostarsi nella nostra regione. Scoprire la Toscana con treno e bicicletta costerà soltanto un euro e 10 in più rispetto al normale biglietto ferroviario (invece degli attuali 3 euro e 50) qualunque sia la tratta effettuata. Un agevolazione di cui sicuramente potranno trarre vantaggio anche molti pendolari che ogni giorno per lavoro si spostano in Toscana con il treno, ma lasciano la bicicletta nel luogo di partenza o destinazione. «E’ una prima positiva conseguenza dell’applicazione del nuovo contratto di servizio con Trenitalia – ha commentato l’assessore ai trasporti ed infrastrutture della Regione Toscana, Riccardo Conti-. L’entrata in vigore delle tariffe agevolate dal 1° febbraio ci auguriamo stimoli i toscani verso treno e bici. Un altro passo verso la “cura del ferro”, per contribuire al miglioramento dell’ambiente e della qualità della vita anche attraverso i trasporti».

Da lunedì 1° febbraio, quindi, i viaggiatori che vogliono portare la loro bici in treno nelle intere giornate di sabato e domenica e nelle fascia oraria 9.00 – 16.00 e dopo le ore 19.00 degli altri giorni, all’interno dei confini tariffari regionali, pagheranno una tariffa agevolata pari al biglietto da 10 km in seconda classe. Negli stessi giorni e fasce orarie, sarà possibile utilizzare un abbonamento mensile per la bici al seguito (prima inesistente), che avrà un costo pari a 27,00 su qualsiasi distanza.
Ricapitolando: 1,10 euro per il viaggio singolo che copra qualunque distanza su tutto il territorio regionale ed un innovativo abbonamento mensile a meno di 30 euro.
Durante la settimana sono state escluse dalla agevolazione le fascie orarie di maggiore affollamento dei treni per evitare disservizi a danno dei numerosi pendolari in viaggio in quelle ore; nelle stesse ore rimane comunque possibile il trasporto della bici al seguito in treno, alla attuale tariffa giornaliera di Euro 3,50.

«La Toscana ha scelto di puntare sulla mobilità sostenibile – ha concluso l’assessore  Conti – per questo stiamo agendo su più fronti per potenziare e migliorare il trasporto su rotaia. Per venire incontro alle esigenze dei cittadini, ed in particolare a quelle dei pendolari, dobbiamo anche offrire alternative concrete all’uso dell’auto anche una volta raggiunta la città di destinazione. Il flusso dei pendolari è destinato ad aumentare, si prevede un incremento del 30% al 2015. L’interazio ne treno-bicicletta è strategica e favorire lo scambio tra treno e bici nelle stazioni significa costruire un’alternativa credibile, pratica ed ecologica all’uso del mezzo privato».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *