Piemonte: soldi per agricoltori

100mila euro per l’acquisto di macchine e attrezzature; 60mila per il ripristino di piste per raggiungere gli alpeggi.

Scade il prossimo 31 dicembre il bando con il quale l’Assessorato all’Agricoltura  mette a disposizione delle aziende agricole del Verbano Cusio Ossola una serie di  contributi economici.

“Beneficiari di questi contributi – spiega l’Assessore all’Agricoltura Germano Bendotti – sono i titolari di aziende agricole con almeno 130 giornate lavorative all’anno se insediata in zone di montagna, 180 se in collina. Va detto che questi aiuti economici non sono ammessi per la sostituzione di vecchie macchine o attrezzature, a meno che siano destinati per un aumento, di almeno il 25%, della produttività o vadano a modificare la natura della produzione o della tecnologia utilizzata”.

Gli aiuti, concessi a fondo perduto, vengono definiti nelle seguenti percentuali di spesa ammissibile: il 40% per le attrezzature fisse in aziende collinari, il 50% per quelle di montagna. Per le macchine e attrezzature mobili la percentuale si riduce al 30% nel primo caso, del 35% nel secondo.

E dalla giunta provinciale via libera anche al bando con il quale la Regione Piemonte rende disponibili, sempre all’interno del Programma Operativo Provinciale, 60.000 euro da destinare a Consorzi tra imprenditori agricoli del VCO, che non abbiano già beneficiato di analoghi finanziamenti, per interventi infrastrutturali relativi a strade, elettrodotti ed acquedotti al servizio di alpeggi utilizzati per le attività di allevamento.

La chiusura dei termini di presentazione delle domande è fissata al 28 maggio. La domande vanno redatte su apposito modello scaricabile dal sito www.provincia.verbania.it. “Prosegue – commenta l’Assessore Bendotti – l’impegno di questa Amministrazione in favore della rivitalizzazione del settore agricolo che reputiamo di enorme importanza per il nostro territorio sotto diversi aspetti: da quello di presidio e tutela ambientale a quello economico e occupazionale, se rivisto nell’ottica della modernizzazione e della sinergia con altri ambiti come ad esempio quello turistico”.

(28 aprile 2010)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *