Marche: piano di sviluppo rurale

Una dotazione importante, pari a quasi dieci milioni di euro, è quanto prevede il Piano di sviluppo rurale 2007 – 2013 per le Provincie marchigiane.

La finalità è l’implementazione di misure per attività turistiche, servizi essenziali per economia e popolazione rurale, tutela e riqualificazione del territorio in ambito rurale. I criteri di ripartizione delle risorse sono stati approvati dalla Giunta regionale, su proposta del Vicepresidente e assessore all’Agricoltura. In particolare metà delle risorse verranno divise tra tutte le Provincie, il 35 per cento in base al numero di abitanti e il 15 per cento in base all’estensione territoriale.

Le amministrazioni provinciali sono chiamate ad elaborare singoli Piani integrati territoriali (Pit), nell’ambito dei quali indicheranno le priorità d’intervento e le modalità di gestione delle risorse assegnate, attivando una preventiva concertazione con i Gruppi di azione locale che agiscono sullo stesso territorio, per una ottimizzazione delle risorse disponibili.

I singoli Pit verranno valutati in base alla qualità dell’analisi di contesto, coerenza delle strategie proposte e con gli strumenti di programmazione, adeguatezza dell’attività di concertazione, coerenza con il piano finanziario. < br /> < br /> Con atti successivi del dirigente del servizio agricoltura verranno emanati i singoli bandi di accesso. < br /> < br />

(Claudio Beltrami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *