Friuli: Giro come ritorno d’immagine

L’Assessorato al Turismo è molto soddisfatto della scelta di ospitare la corsa ciclistica più importante d’Italia sulle proprie montagne.

“Il ritorno d’immagine garantito dalla tappa in Friuli Venezia Giulia del Giro d’Italia di ciclismo è stato eccezionale – ha commentato il vicepresidente della Regione Luca Ciriani.

Uno share che si assesta sul 19.77% con oltre 2,6 milioni di spettatori collegati in media sulle frequenze Rai per la diretta, diventati ben 3.620.000, con uno share del 31,22%, per l’arrivo, articoli sulla stampa di tutto il mondo, dall’americano New York Times all’inglese Independent, da testate prestigiose della Spagna, come Marca e El Mundo, francesi come l’Equipe e svizzere, australiane, canadesi.

“La vittoria di Basso – ha continuato il vicepresidente Ciriani – ha appassionato tutti e consacrato la salita allo Zoncolan come una delle tappe storiche di questa manifestazione: ora il nome dello Zoncolan e del Friuli Venezia Giulia sono entrati nell’immaginario collettivo di tutti gli appassionati di questo sport”.

L’assessorato al Turismo ha sostenuto con forza l’evento, valutando positivamente sia il ritorno diretto, con oltre 150mila persone lungo il percorso, sia il ritorno di immagine. “Nelle sei ore di diretta – ha concluso il  vicepresidente – la qualità delle descrizioni del nostro territorio è stata elevata, così come le immagini e gli approfondimenti: oltre che una grande occasione di sport, il Giro d’Italia si conferma come un ottimo veicolo di promozione turistica e divulgazione del prodotto turistico”.

(24 maggio 2010)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *