Valtellina: montagna, bici e turismo

 

Italia e Svizzera unite in un unico obiettivo: fare dell’ampia e varia offerta di percorsi per mountain bike tipica delle zone di confine tra l’Alta Valtellina, l’Engadina e l’alto comasco, un motivo di attrazione e di promozione turistica del territorio, nel pieno rispetto degli splendidi scenari naturali che caratterizzano queste zone transfrontaliere.

Valtellina, Provincia di Sondrio, Svizzera, Italia, Regione Lombardia, mountain bike, ciclismo, Giro d’Italia, bici, sentieri, progetto, budget, finanziamento, fondi, percorsi, turismo, promozione, visibilità, Engadina, panorama
Foto: Wikipedia

Valtellina – Valposchiavo Bike, Alta Rezia Evolution”, questo il nome dell’ambizioso progetto di collaborazione italo-svizzero approvato lo scorso 16 luglio dalla Regione Lombardia, disporrà di un budget di 1.147.000 euro, distribuito su tre anni. I maggiori contributi economici saranno a carico:
– della Regione Lombardia, che metterà a disposizione ben 770mila euro;
– della Confederazione Svizzera e dal Canton Grigioni, che finanzieranno il progetto con un impegno economico complessivo di 125mila euro;
– della Provincia di Sondrio e della Comunità Montana Alta Valtellina (enti che, insieme all’Associazione Bike Hotel e l’Ente Turistico Valposchiavo, hanno ideato e promosso l’iniziativa), che sborseranno 70mila euro.

Una parte della somma complessiva delle risorse disponibili verrà dirottata per le operazioni tecniche necessarie per rendere effettivo il progetto di manutenzione, rivalutazione e potenziamento della rete di percorsi. Tra queste l’individuazione, la mappatura e la segnalazione della nuova rete di itinerari.
La restante parte di budget verrà utilizzato per promuovere e pubblicizzare il progetto a livello internazionale, con azioni di informazione e di marketing da realizzare nell’ambito di fiere, festival, riviste, internet, materiale audio-visivo, ecc…

La Provincia di Sondrio, ente che più di tutti ha creduto nel progetto, conta di sfruttare la visibilità che l’Alta Valtellina e le zone di confine devono al Giro d’Italia per attirare a sé il grande ed eterogeneo pubblico degli appassionati di ciclismo. E’ proprio sui monti e sui passi valtellinesi, infatti, che la “corsa rosa” ha visto scrivere alcune tra le più belle ed indimenticabili pagine della propria storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *