Pesaro: villaggio “sole e vento”

 

Un’area turistica ecosostenibile, autosufficiente e ad impatto zero tra il Monte Nerone e la Gola del Furlo: quale migliore location per trascorrere le ferie?
Il progetto di un vero e proprio villaggio “del sole e del vento”, ideato dalla provincia di Pesaro e presentato lo scorso 16 maggio a Palazzo Mochi Zamperoli, riguarda un’area di 110 ettari di boschi, prati e pascoli in località San Vitale di Cagli di cui la stessa Provincia è proprietaria.

mulino, pale eoliche, ecosostenibile, turismo, sviluppo, programma, piano, crescita, sostegno, provincia di Pesaro, area, economia verde, lavori, villaggio, sole, vento, San Vitale di Cagli
Foto: Montagna Made In Italy

L’idea è nata dalla volontà di trovare nuovi progetti in grado di coniugare turismo ed “economia verde”, risorse peculiari del territorio Pesarese che garantiscono occupazione anche in tempi di crisi, con le esigenze di crescita e sviluppo. “Innovare per crescere” è dunque la ricetta per il rilancio dell’economia della provincia.

Il progetto si propone due principali obbiettivi: da un lato incentivare la capacità ricettiva ed il valore turistico dell’area attraverso il sostegno ai lavori di recupero e valorizzazione degli edifici rurali presenti nell’area stessa. Dall’altro promuovere la produzione di energie rinnovabili e vigilare sull’ecosostenibilità dei processi di recupero e di sviluppo ricettivo.
A questo proposito, le linee guida (flessibili) del piano prevedono la suddivisione della nuova area turistica ecosostenibile in due differenti zone:

– una prima zona, dedicata alla dimensione turistico-ricettiva, sarà oggetto dei lavori di ristrutturazione e valorizzazione;
– una seconda zona, inferiore in termini di estensione, sarà adibita allo sfruttamento delle energie rinnovabili, con l’installazione di pannelli fotovoltaici, impianti geotermici minieolici ed a biomasse.

Nello specifico la provincia conta di definire il progetto preliminare entro pochi mesi, in modo da arrivare all’assegnazione dei lavori tramite gara d’appalto entro fine anno.

(Federico Beltrami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *