Sicilia: bussola virtuale nel parco

 

Grazie a un intervento del Centro Universitario Tecnologie che ha lavorato sulle strumentazioni di geolocalizzazione satellitare, i dati sui principali sentieri del Parco sono stati informatizzati e resi disponibili per escursioni virtuali o per essere scaricati sui dispositivi Gps.

I sentieri sono stati catalogati sulla base dei criteri di percorribilità, sicurezza, numero di punti di interesse (ad esempio geositi, angoli panoramici, alberi monumentali).

Attraverso l’uso di internet, grazie a Google Earth, è possibile percorrere virtualmente il sentiero prescelto, scegliendo i percorsi più congeniali alle proprie caratteristiche, ricavando informazioni e approfondimenti. E una volta in loco, se si è dotati di un Gps, ci si può tranquillamente lasciar guidare dalle informazioni memorizzate, facendo a meno di carte topografiche o strumenti quali la bussola o l’altimetro.

Il fatto che il Parco delle Madonie disponga di questo sistema di geolocalizzazione lo rende all’avanguardia, e gli consente di porsi fra le strutture più competitive della regione. Il Parco occupa un vasto territorio della parte centro-settentrionale della Sicilia, all’interno del quale compaiono montagne che toccano quasi i 2000 metri. Il complesso madonita annovera le vette più alte dell’Isola – eccezion fatta, naturalmente, per l’Etna – come Pizzo Carbonara (1979 mt.), Pizzo Antenna grande (1977 mt.), Monte San Salvatore (1912 mt.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *