Bolzano: orso bruno “paparazzato”

 

L’Ufficio caccia e pesca della Provincia di Bolzano ha rilevato tracce della presenza di orsi bruni a destra della valle dell’Adige.

Dalla grandezza delle impronte rilevate, si può dedurre che si tratta di due individui diversi, uno più piccolo ed uno di taglia maggiore. La prima segnalazione risale al 29 marzo scorso. Finora non è stata segnalata nessuna predazione a pecore od altri animali.

Uno dei due orsi, nella notte del 15 aprile scorso, si è alimentato presso un punto di foraggiamento di caprioli. Il personale di sorveglianza venatoria dell’Ufficio caccia e pesca è riuscito, tramite una “trappola fotografica”, a scattare alcune foto, che dimostrano si tratti di un orso di media taglia, presumibilmente di 3-4 anni d’età.

Negli ultimi anni la presenza dell’orso bruno in Alto Adige è divenuta relativamente costante; almeno un individuo, proveniente dall’azione di reintroduzione nel Parco Naturale Adamello Brenta eseguita in provincia di Trento con il progetto “Life-Ursus”, passa ogni anno nelle valli altoatesine  a partire dall’anno 2005. Finora si è trattato esclusivamente di giovani individui maschi, che compiono giri esplorativi alla ricerca di nuovi territori. Succede prevalentemente in primavera. Da un lato, la presenza può essere accertata tramite le caratteristiche piste su neve, dall’altro, al risveglio dal letargo, sono più frequenti le predazioni a ovini o apiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *