Trentino: “casa natura” in montagna

 

Riscoprire le antiche tradizioni rurali, entrare in contatto diretto con la natura, apprendere i segreti del risparmio energetico. Un soggiorno nella “casa natura” offrirà l’opportunità a grandi e piccoli di imparare le attività più disparate tipiche dell’ambiente montano e rurale immersi ne paradisiaco scenario del Parco Naturale Adamello Brenta.


Foto: Montagna Made In Italy

La casa natura rappresenta una perfetta combinazione tra modernità e salvaguardia delle tradizioni all’insegna dell’efficienza energetica e del risparmio idrico. Diversi interventi di manutenzione e restauro hanno infatti trasformato un’antica abitazione rurale in una moderna ed efficiente struttura, senza però stravolgerne le caratteristiche estetiche, tipicamente rustiche.

Villa Santi si trova a pochi chilometri da Tione di Trento ed offre la possibilità di sperimentare percorsi didattici, settimane verdi, vacanze natura e soggiorni formativi. Le ventiquattro persone che possono essere ospitate dalla struttura hanno la possibilità di cimentarsi nelle numerosissime attività garantite dalle molte strutture della casa natura: partecipare a convegni e dibattiti nella sala conferenze, frequentare laboratori dimostrativi della lavorazione del latte (la «caseràda») e della smielatura, apprendere le tecniche della bioedilizia negli ambienti appositamente dedicati, conoscere i segreti e gli accorgimenti per il risparmio energetico e distrarsi negli spazi di svago come la biblioteca, la studio e l’internet point.
Le attività non riguarderanno tuttavia il solo interno della struttura. Gli ospiti avranno infatti la possibilità di entrare in contatto diretto con la natura e con le pratiche tipiche del mondo montano e rurale tramite attività come la coltivazione degli orti, i laboratori sulle erbe spontanee. I più coraggiosi potranno inoltre cimentarsi nella pratica dell’orienteering, moderna caccia al tesoro nel territorio del parco, e nelle escursioni (diurne e notturne) all’interno dei boschi circostanti.

In virtù della propria naturale fisionomia, la struttura si presta al coinvolgimento di un target giovane e motivato. A questo proposito le “settimane verdi”, rivolte specificamente ai bambini dai 9 ai 12 anni, prevedono giochi ed attività ad hoc mediante le quali i giovani potranno apprendere le pratiche tipiche delle mansioni rurali come la lavorazione del latte, la semina delle piante e la costruzione di spaventapasseri divertendosi e giovandosi dei benefici del contatto con la natura.

Inoltre, per i bambini e per tutti gli ospiti del centro, sarà possibile visitare la vicina fattoria, all’interno della quale sono presenti animali provenienti dai parchi di tutta Italia ed iscritti all’elenco delle razze rare come le pecore Tingola, le galline padovane e le capre bionde dell’Adamello.

Per ulteriori informazioni si consiglia di visita re il sito del Parco Nazionale Adamello Brenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *