Belluno: il Piave è DOP

 

“La nuova Denominazione di Origine Protetta per il formaggio Piave, frutto della fatica degli allevatori della montagna, del loro coraggio, della loro volontà di affermare i valori, la cultura e le tradizioni di un territorio difficile, dove la loro presenza e la loro attività è necessaria e utile a tutti, è motivo di meritato orgoglio – ha affermato Franco Manzato, Assessore all’Agricoltura del Veneto.

Il formaggio Piave è prodotto principe della cooperativa Lattebusche, che ne mette sul mercato circa 350 mila forme l’anno. Il “Piave” è prodotto esclusivamente con latte delle vallate bellunesi, tutte “tributarie” del bacino idrografico del secondo fiume d’Italia, raccolto presso oltre 350 stalle in cui il bestiame, prevalentemente di razza Bruna Alpina, viene alimentato con foraggio locale ricco di infiorescenze che attribuiscono al latte particolari caratteristiche organolettiche. E’ figlio di una tradizione antica, che ha le sue basi nella storica attività casearia di malga.

 

“Per il Veneto, che è la prima regione d’Italia e d’Europa per numero di DOP e IGP (una trentina), la Denominazione Piave è una nuova perla, tra le più preziose di una collana agroalimentare famosa in tutto il mondo. – ha detto ancora Manzato – Essa va difesa, soprattutto rispetto ai tentativi di una economia globale che punta a un’eguaglianza dei sapori che impoverisce i produttori veneti perché ne compromette gli autentici punti di forza; i consumatori perché rischiano di perdere un patrimonio di gusti e di tipicità che diventerebbe irrecuperabile; il bellunese e i suoi allevatori perché li priverebbe del loro futuro e della possibilità di dimostrare la loro qualità.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *