Umbria: guerra fra scoiattoli

 

Ha fatto la sua comparsa solo da qualche anno, ma la specie, evidentemente molto vigorosa, è in fase di forte espansione, sia numerica che spaziale. Ai danni di altri abitatori dei boschi.


Foto: Wikipedia

La popolazione dello scoiattolo grigio cresce minacciando quella dello scoiattolo rosso (o comune), per il quale si sta pensando ad un’azione di protezione. A  questo scopo, è stata attivata una convenzione con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Biologia Cellulare ed Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia. Dopo una fase di raccolta di informazioni preliminari, si è già passati alla fase “sul campo”. “Attualmente sono state posizionate apposite trappole, chiamate hair-tube, per la raccolta di peli, al fine di individuare le aree di presenza dello scoiattolo grigio – riferiscono gli studiosi.

 

La zona è quella di Monte Malbe, in provincia di Perugia. L’ultima segnalazione – spiegano i ricercatori – appare molto preoccupante, in quanto lo scoiattolo grigio è riuscito ad oltrepassare anche un’importante barriera ecologica, come la Strada Statale Trasimeno Ovest, andando a minacciare il bosco che copre la collina di Lacugnano. Accertata la distribuzione dello scoiattolo grigio nella nostra regione, si passerà alla fase applicativa, che dovrà avvalersi dell’uso di trappole per la cattura”.

 

Per far comprendere l’importanza di tale progetto di ricerca e raccogliere informazioni su eventuali avvistamenti, il Dipartimento di ricerca promuoverà una serie d’incontri con la cittadinanza e distribuirà materiale informativo anche per sensibilizzare ed educare affinché si evitino liberazioni di altri animali “esotici”. In questo caso le spese le sta facendo lo scoiattolo rosso che paga le minori dimensioni fisiche, rispetto al grosso cugino, e l’abitudine a muoversi con meno disinvoltura a terra.

Per avere maggiori informazioni o fornire utili segnalazioni si invita scrivere al seguente indirizzo mail:
dan4pao@virgilio.it    cacciapesca@regione.umbria.it

Roberta Folatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *