Sardegna: “Foreste aperte”

 

L’Ente Foreste della sardegna sta predisponendo l’edizione 2010 dell’appuntamento che lo scorso anno ha riscosso un notevole successo.

“Foreste aperte” vuole richiamare l’attenzione sull’importanza dell’utilizzo sostenibile delle foreste, sia da parte della popolazione locale che dei turisti. I boschi sono spesso oggetto di sfruttamento, incendi, tagli indiscriminati, l’evento sardo vuole mettere in luce le potenzialità di questi luoghi, sia dal punto di vista turistico che da quello delle risorse.

Le foreste demaniali in sardegna rappresentano uno straordinario patrimonio naturalistico, ambientale, economico oltre che storico. Le date dell’evento saranno comunicate entro breve.

Sono nove le aree forestali che ospitaranno “Foreste aperte”: Montarbu (Seui), Montes (Orgosolo), Settefratelli (Sinnai) e Marganai (Iglesias), Monte Pisanu (Bono), Bidderosa (Orosei), Montimannu (Villacidro), Funtanamela (Laconi) e Limbara Sud (Berchidda.

La manifestazione prevede esposizione vendita e degustazioni di produzioni tipiche; offerta di servizi escursionistici e culturali (presentazione di libri, attività di educazione ambientale, passeggiate naturalistiche, trekking, arrampicate, percorsi in mountain bike, passeggiate a cavallo);
attività speleoturistica e speleologica; visita di siti di interesse culturale ed archeologico,visite a giardini botanici; incontri sulla fotografia naturalistica e sulla micologia; mostre e proiezioni a carattere tematico.

Roberta Folatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *