Piz Boè

Se avete sempre sognato di pilotare un elicottero ma non sopportate l’idea di staccare i piedi da terrra le Dolomiti vi offrono l’oportunità di appagare il vostro desiderio, a patto che non vi spaventi camminare un po’. Salite al passo Pordoi 2.239 metri e prendete la funivia fino salendo fino a 2.950 metri, una volta arrivati inoltratevi nell’immensa distesa di sassi per poi salire sul picco più alto fino al rifugio Capanna Fassa a ben 3.152 metri.


La salita non presenta particolari ostacoli e non richiede attrezzature professionalio, tuttavia il sentiero (circa un’ora) non concede soste alla pendenza e per i non allenati è consigliabile stimare un extra-time per l’arrivo. Una volta in vetta i vostri sforzi saranno ampiamente ripagati: nessun ostacolo alla vista in tutte le direzioni, proprio come in elicottero (ma senza quel rumore assordante da frullatore industriale). Se vi piacciono le fotografie superstretch (e magari le realizzate da voi affiancando più scatti) siete nel posto giusto: il Sella, la Marmolada, la Val di Fassa e sullo sfondo le Dolomiti Bellunesi, sotto di voi la distesa di roccia del Pordoi. Il freddo potrà essere pungente e la cucina del rifugio la salvezza. Attenti a non fare tardi, calcolate bene i tempi per il ritorno perché un viaggio in funivia “fuori orario” ha un prezzo salato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *