presentazione

Il mondo della montagna attrae un gran numero di appassionati. Persone che vivono il territorio, lo amano, lo esplorano, che si riposano e si divertono, che acquistano servizi e prodotti. Persone che mantengono, nel tempo, questa loro passione.

L’offerta italiana in questo campo è sicuramente di prima qualità: non abbiamo nulla da invidiare a quanto viene proposto dal resto del mondo. Non solo, ma dentro e fuori dai nostri confini nazionali esiste un pubblico, già acquisito o potenziale, che costituisce un bacino di business di primaria importanza. Il problema è promuovere e valorizzare la conoscenza della “montagna made in Italy”, favorendo lo sviluppo di un’offerta sempre più ricca ed articolata, basata su elevati standard di qualità e in grado, non solo di soddisfare la richiesta attuale, ma di generarne di nuova.

Rafforzare la visibilità, la presenza e l’offerta dei prodotti e dei servizi degli operatori del settore, valorizzando il territorio nel suo insieme sul mercato nazionale ed estero, contrastare l’offerta straniera e valorizzare quella italiana: questa è la missione di Montagna made in Italy. Ci rivolgiamo a tutti gli amanti della montagna, forse più al consumatore medio che al super esperto che già trova soddisfazione nelle molte iniziative di qualità che offre il mercato.

Al nostro pubblico forniamo informazioni aggiornate, curiose, stimolanti, di qualità. Diamo una chiave di lettura del territorio proponendo modalità di approccio spesso originali e coinvolgenti. Cerchiamo accordi per integrare i nostri contenuti con quelli realizzati dai più qualificati operatori del settore. Siamo aperti a un lavoro comune e condiviso con i nostri lettori, cercando la loro collaborazione e il loro aiuto.

Ecco perché il progetto Montagna made in Italy non si pone confini: è l’intero territori italiano che viene preso in considerazione, Alpi e Appennini; sono tutti gli amanti della montagna che possono seguirci nelle nostre attività; sono tutti gli operatori del settore che possono ritenerci partner dei loro progetti.

Post navigation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *