Sciare sotto la luna

Nel cuore delle Dolomiti, sopra la Val Gardena, in cima all’Alpe di Siusi. In un luogo incantato dove per mesi lo sguardo si perde solo tra neve, cime imbiancate e abeti. Un comprensorio sciistico tra i più belli e organizzati al mondo, meta di turisti da tutta Italia e non solo. Una settimana bianca qua è un sogno che molte famiglie coccolano per tutto l’anno, fino a quanto arriva il momento di partire. In tutta la valle si esce di casa o dall’hotel con gli sci ai piedi. Dimenticate auto, parcheggi e traffico.

Qua ci si sposta sciando o al massimo con navette e ovovie. Non solo per evitare lo stress, ma per non inquinare uno scenario magico, che va preservato.

In questa cornice ha luogo ogni anno una gara magica. La Moonligght Classic Ski Marathon, una maratona di sci di fonde che prende il via al sorgere della luna. Ben coperti, armati di sci e di torcia, si scivola nella neve godendosi il silenzio e il paesaggio immacolato, per un tracciato lungo 36 chilometri. Si ritorna al punto di partenza, dove i vincitori saranno premiati e applauditi.
L’appuntamento per le centinaia di fondisti partecipanti è a Compaccio per le ore 20.00. L’alternativa ai 36 chilometri, è il percorso da 20 km del tracciato che riconduce comunque al punto di partenza. Chissà chi riuscirà ad avere la meglio fra gli atleti delle nazionali tedesca, norvegese e svedese? L’appuntamento offre comunque l’opportunità di un cambio nel programma di allenamenti che le squadre assolvono, come ogni anno, sull’Alpe di Siusi. Ma l’evento si prospetta unico ed emozionante anche per i tanti spettatori della “Moonlight Classics” dell’Alpe di Siusi. E applauditi i vincitori, la festa continua, fino all’ultimo arrivo, ben oltre la mezzanotte nei paesini della valle. Per brindare agli atleti, alla magia della luna sulle Dolomiti, alla purezza dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *