Orobie Skyraid: corsa verso il cielo

 

4 luglio: questa la data dell’Orobie Skyraid, gara di corsa in montagna valida per l’assegnazione del titolo mondiale a squadre, da quest’anno aperta anche ai team commerciali.
Per l’occasione la manifestazione, giunta ormai alla sua quarta edizione, ha modificato la propria collocazione in calendario, spostandosi dal primo week end di agosto alla prima settimana luglio.

Con questa decisione gli organizzatori sperano di aumentare la partecipazione del pubblico non agonista, trasformando la competizione agonistica in una vera e propria festa del panorama della corsa in montagna. Saranno infatti previsti diversi eventi collaterali all’evento principale. Primo fra tutti la “Family Run”, corsa al Passo della Presolana riservata alle famiglie ed a tutti coloro che, in zona traguardo, attendono l’arrivo dei concorrenti.
A convincere definitivamente gli organizzatori ad individuare nel 4 luglio la nuova data per la manifestazione podistica è stata la cancellazione del “Sentiero 4 luglio”, storica gara di corsa in montagna tra Aprica (SO) e Santicolo di Corteno Golgi (BS) che ha dato i natali alla disciplina dello skynunning.
In questo modo l’Orobie Skyraid, che da quest’anno ritornerà ad assegnare il titolo mondiale a squadre, attirerà sia il pubblico agonista sia il pubblico amatoriale, che nel periodo inizio agosto, mostrava di preferire le rilassanti località balneari alle fatiche della corsa in montagna.

A spiegare le ragioni della nuova collocazione in calendario è stato Mario Poletti, detentore dal 2005 del record di percorrenza (8 ore 52 minuti 31 secondi) di quel Sentiero delle Orobie che, due anni dopo, diventerà il tracciato della competizione a staffetta di corsa in montagna denominata Orobie Skiraid.
Poletti ha sottolineato come il lavoro della società organizzatrice Fly Up sport, di cui egli stesso è mente e braccio, sarà agevolato dalla collaborazione del CAI di Bergamo e di tutte le relative sottosezioni provinciali.

L’edizione 2010 si snoderà su di un percorso di 84 chilometri suddiviso in 3 frazioni.

Il primo frazionista di ciascuna squadra dovrà coprire il tratto “SkyMarathon”, un percorso di 42 chilometri con partenza da Valcanale ed arrivo al rifugio Coca passando per i rifugi Alpe Corte, Laghi Gemelli, Fratelli Calvi e Brunone. Dislivello totale della prima frazione: 2710 metri.di salita ascesa e 1918 metri di discesa.

Il secondo corridore di ciascun team dovrà percorrere lo “Skyrace”, il tratto che congiunge il rifugio Coca al rifugio Albani passando per il rifugio Curò. Nei 30 chilometri di tragitto i frazionisti accumuleranno un dislivello positivo totale di circa 1600 metri. Di poco inferiore sarà il dislivello negativo (1553 metri).

L’ultimo frazionista dovrà cimentarsi nel tratto più nervoso ed insidioso dell’intera competizione. Lo “Skyclimbing”, percorso di 12 chilometri che dal rifugio Albani conduce al traguardo del Passo della Presolana passando per il Passo della Porta, alternerà ripidi tratti di discesa (1392 metri il dislivello negativo totale) a temibili tratti in salita, spesso da affrontare tramite vere e proprie arrampicate (750 metri il dislivello positivo complessivo).

Il consiglio per tutti gli impavidi che volessero tentare questa emozionante impresa è quello di seguire gli aggiornamenti del sito della manifestazione in riferimento alle modalità di iscrizione, ai montepremi, ecc..

(Federico Beltrami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *