Friuli: a Barcis il meglio del sumo

 

Doyho, rikishi, mawashi. Sono parole di chiara origine giapponese, ma gli abitanti di Barcis le sentiranno riecheggiare a lungo tra il 23 ed il 25 luglio prossimi.

sumo, Barcis, Pordenone, Friuli Venezia Giulia, rappresentativa, Provincia di Pordenone, manifestazione, programma, Trofeo individuale Comune di Barcis, appassionati, sport
Foto: Wikipedia

In questi giorni infatti, tra presentazioni, gare e festeggiamenti, i migliori interpreti europei del sumo sbarcheranno nel paesino friulano per la 2° Coppa Europa a squadre e il Trofeo individuale Comune di Barcis.

La gara vera e propria, organizzata da Sport Barcis e Judo Club Fenati con il sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Pordenone, Comunità Montana del Friuli Occidentale e con il patrocinio del Coni nazionale, si svolgerà sabato 24 a partire dalle ore 14 presso i campi sportivi di Barcis.
Venerdì 23 sarà invece dedicato all’accoglienza delle varie rappresentative nazionali, mentre domenica 25 si festeggerà tutti insieme per le vie del paesino della provincia di Pordenone.
Oltre alla rappresentativa azzurra, le nazionali che hanno già confermato la propria partecipazione sono l’Azerbaijan, il Belgio, l’Olanda, gli Stati Uniti, l’Ucraina e l’Ungheria, mentre si attende la conferma definitiva da parte di Austria, Bulgaria, Germania, Polonia e Svizzera.

La manifestazione rappresenta un’ulteriore conferma della vivacità e della centralità di Pordenone nel panorama nazionale del sumo. Nella provincia friulana, oltre ad un gran numero di appassionati e sostenitori, è cresciuta o vive la gran parte della rappresentativa nazionale, tra cui il direttore tecnico Giovanni Parutta e l’arbitro internazionale Cristiano Valoppi.

In occasione della presentazione della manifestazione, organizzatori ed istituzioni hanno sottolineato l’importanza di sfruttare questa kermesse di campioni per dimostrate come il sumo sia uno sport affascinante, sano, civile e corretto e che dunque merita maggiore visibilità e seguito.

(Federico Beltrami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *