I parchi scendono in città

 

La data ha un forte valore simbolico, il 24 maggio 1909 venne istituto, in Svezia, il primo parco in un paese europeo. Ogni anno si festeggia questa ricorrenza dedicando la giornata a un tema particolarmente importante, nel 2010 non poteva che essere il rapporto tra uomo e biodiversità.

In occasione della Giornata Europea dei Parchi, lunedì 24 maggio saranno due aree protette a scendere in città e ad avvicinarsi al pubblico. In un contesto curioso e in un gioco di contrasti due parchi alpini, il Parco Nazionale Gran Paradiso e il Parco Naturale Mont Avic, si presenteranno all’Aquario Civico di Milano. Tra le 16 e le 21 operatori dei due enti, guide, guardaparco, guardie forestali e volontari incontreranno il pubblico per un aperitivo a base di prodotti tipici, per presentarsi e raccontare le proposte estive fra escursioni e attività organizzate alla scoperta del patrimonio faunistico e floreale, feste e sagre… In particolare si parlerà del versante valdostano del primo parco nazionale italiano, il Parco Nazionale del Gran Paradiso,  che per due quinti si estende anche in territorio piemontese.

Sarà l’occasione per valorizzare il gemellaggio fra due parchi che, volendo, per la loro contiguità possono essere visitati nello stesso weekend. “Un modo per ricordare che le aree protette sono patrimonio di tutti ed è importante imparare a goderne con attenzione e senso di responsabilità – spiega Michele Ottino direttore del Parco nazionale Gran Paradiso – Ogni parco ha una propria storia e una peculiarità. Il nostro è nato nel 1922 per proteggere gli stambecchi, e non solo naturalmente; quello del Mont Avic è più recente ed è finalizzato a tutelare quella biodiversità che dovrebbe essere il tema dominante di riflessione proprio del 2010”.

Il Parco del Mont Avic comprende oltre trenta laghi alpini ed è caratterizzato da paesaggi vegetali insoliti fra i quali spicca la più vasta foresta di pino uncinato presente in Valle d’Aosta, una conifera ben poco diffusa sulle Alpi italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *